05 maggio 2020

baaghi 3


che poi non è che son qui a pretendere. guardo horror da secoli. all'incoerenza ci si abitua. i film d'azione non richiedono una sceneggiatura scritta da un nobel. qualcuno è persino entusiasmante (dhoom 2) (dabangg). una pellicola d'intrattenimento può anche solo intrattenere. va bene così.
ma baaghi 3.
(...)
un feto lo giudicherebbe infantile e si rivolterebbe - schiena al cordone ombelicale - nell'utero.

mi limito:
* un personaggio si chiama IPL. minuto di riflessione. l'india non supera il cricket ed io non supero il suo cinema. il sole sorge e tramonta. a posto (scusate).
* ronnie si precipita nella fortezza dei terroristi in mezzo al deserto... col teletrasporto? 
* ronnie si precipita nella fortezza eccetera con una manciata di granate. niente mitra o lanciafiamme. o testate nucleari (che io avrei portato. chiedimi consiglio noo?). implica che ronnie potrebbe scatenare uno tsunami con una pistola ad acqua.
* esattamente ronnie come schiva migliaia di pallottole? ah ho capito. due universi paralleli si incrociano. in quello di ronnie c'è solo ronnie ed è un universo velocissimo. in quello dei terroristi ronnie non c'è ed è un universo lentissimo. si vede che ho studiato.
* il cattivo diventa eroico. ok. da oggi dico che sono una bionda naturale.
* IL TOP: orde di feroci terroristi pronti a sventrare ronnie e suo fratello. tasto pausa. i due si scambiano bacetti (con calma). tasto play. la carneficina riprende.
* alla siria mancava ronnie a fare un po' di casino in giro. e l'onu tace.

ma anche:
* il cameo iniziale (quello finale no) di jackie shroff mi ricorda quanto l'attore meriterebbe ruoli più corposi e progetti più intriganti.
* la brevissima performance di vijay varma ricorda al cast il significato della parola recitare.
* sapete che non mi dispiace il brano do you love me? ripetitivo (vero). rarefatto il giusto. fuori luogo in un film così chiassoso. per i maschietti: blindate gli occhi e spalancate le orecchie.
* le sequenze d'azione non mi convincono (troppo di troppo). ma la scivolosa spaccata sotto al cingolo è da ammirare in ginocchio.


eLLeSSeDì 

24 aprile 2020

ENAI NOKI PAAYUM THOTA



Diretto con eleganza, volutamente struggente, clamorosamente noioso, Enai Noki Paayum Thota forse paga il prezzo di una realizzazione travagliata, durata un paio d'anni. L'insipida storia è raccontata dal protagonista, il narratore però diviene preponderante rispetto all'attore, e la verbosità soffoca. La sceneggiatura si sforza di rendere il soggetto intrigante, appesantendolo con inutili tragedie. Strati di drammi si sovrappongono: perchè tutto quest'odio nei confronti dei personaggi? La narrazione è caotica e aggrovigliata, da un certo punto in poi ho perso interesse a sbrogliare la matassa e non vedevo l'ora che il film finisse. La storia non regge, non appassiona, è finta, eccessiva, troppe ripetizioni e troppe coincidenze. Megha Akash, l'attrice protagonista, si limita a sussurrare, uggiolare, piangere. Il personaggio è già spento di suo, e Megha contribuisce ad affossarlo.
Eppure il primo tempo mi ha in parte incantata. Dhanush è fascinoso, la sua voce carezzevole e ipnotica. La sceneggiatura, non lineare, terrorizza con anticipazioni cruente, rassicura, per poi terrorizzare di nuovo. Ma la pellicola sfugge di mano al regista, votandosi al suicidio.

TRAMA

A seguito del decesso della fidanzata, il giovane Thiru scompare, lasciando la famiglia nella disperazione. A distanza di anni, Raghu, il fratello minore, incontra Lekha, attrice esordiente. I due si innamorano. Il padre adottivo di lei, produttore cinematografico, non tollera ostacoli alla carriera della ragazza.

RECENSIONI

The Hindu:
'Gautham Menon’s film bears no signs of ageing, and whets those who have longed for Tamil cinema to deliver an emotion-heavy love story. The enigma of Gautham Menon only deepens after watching Enai Noki Paayum Thota (ENPT) - a bullet that’s taken a long time to hit its target. I find it intriguing that this person is able to thread together a feature film by extrapolating on various aspects of what is, essentially, a single love story. (...) There aren’t many filmmakers in Tamil cinema who would imagine romanticising in a life-or-death situation. But then there is Gautham Menon. The plot of ENPT has three key elements - the bond between brothers Raghu and Thiru (M Sasikumar), the love that develops between Raghu and Lekha, and Raghu’s ‘beast mode’ moments. Each one of these elements can singularly sustain a film’s narrative. Which is why it is confounding that Gautham chose to knit these elements together, and, in the process, leave the audience little space to care deeply about any one of them. (...) A casual viewer should have already been exposed to his earlier films in order to understand his style of filmmaking. In my eyes, that is a big weakness for a filmmaker. We also know Gautham’s overbearing tendency to use a voice-over to drive his film’s narrative. But ENPT is 65 per cent voiceover and 35 per cent things that are unfolding on the screen, and the film stays true to its autobiography mode from start till finish. This is irritating. (...) All this leads us to the other key element - Raghu’s bond with his elder sibling. Sasikumar’s character suffers due to a lack of writing; it remains under-developed. The plot seemed to rely on voice-over to move the narrative in the second half - where Sasikumar’s character comes to the fore - much more than anywhere else in the film. It just cannot be the case that voice-over is presented as an excuse for lazy writing. To cover up for these flaws, the film also relies heavily on Dhanush’s acting prowess, and the star is only happy to oblige. One scene in particular is a great example of his talent: as the Mumbai cops inform him of the death of a key character in a shootout, an over-the-shoulder shot captures the range of emotions on Dhanush’s face for a good two minutes. It is one of those moments that any actor would look back upon, and can be proud of. There are other standout examples of fine direction - like the picturisation of the Maruvaarthai Pesaathe song. You have to watch it to revel in it. ENPT is no stroke of genius from Gautham Menon. But the way he makes the film punch way above its weight, is a mark of one'.
Pradeep Kumar, 29.11.19

Film Companion:
'After a long time, there’s a genuine, all-out romance on screen. (...) It’s great to see Dhanush in this unapologetically urban, upper-class mode. (...) This is a screenplay in which the i’s have been dotted and the t’s have been crossed with care. And with class. (...) I wished Lekha had been played by a more experienced actor. Megha Akash certainly looks the part (and it’s fantastic that her name appears in a font that’s equal in size to Dhanush’s; her role is equally important) - but her odd-sounding dialogue delivery robs the character of some of the intensity it needs. But maybe a more experienced actor wouldn’t have captured Lekha’s helplessness so well. (...) From the lyrical title, Enai Nokki Paayum Thota has many of the GVM-isms you expect. We get the Mech. Engg. name drop. We get the loving parents. We get a cheeky nod to a detective film this director was supposed to do with Ajith. But most of all, we get the voiceovers that - perhaps for the first time - feel not just like inner thoughts, but also contain fragments of information that make us anticipate things. And - perhaps for the first time - these voiceovers have a reason for being. (...) Actors like Dhanush give so much. This is a more delicate kind of acting than what Dhanush did in Asuran, because Gautham Menon flattens even the high moments - there aren’t many showy scenes. And when a huge tragedy is underplayed, you see what a great actor can still do. The camera (...) stays on Raghu’s face, and Dhanush takes us right into the mind of a man who is in disbelief, someone who is still processing this turn of events that has come about after a brief burst of happiness. He takes a long time to come to grips with the situation and the director gives him that long time. He executes a small character arc in this stretch. In fact, all through the film, Gautham Menon gives the moments a lot of time - nothing feels rushed. (...) But after the specificity of the first half, the action-thriller portions are disappointingly generic. I wondered why the emotional beats weren’t hit harder - especially Raghu’s scenes with his brother. (...) None of the villains are memorable. They don’t have the definition Raghu and Megha have - heck, even Raghu’s parents, in their few brief scenes, seem more rounded than these interchangeable bad guys with their interchangeable badnesses. This puts a huge strain on the second half, when Dhanush gets into “beast mode”. I found my interest levels slipping even when Raghu and Megha were on screen. I wanted more of the person Sasikumar is and not just the professional he is. But even with its problems, (...) ENPT is beautifully directed (does any other filmmaker use eyelines as well as Gautham Menon does?), and the pauses and holds contribute greatly to the mood. And, after what seems like ages, it’s just nice to see a classy urban film on the big screen. And yeah, it’s nice that, after his stint in the wilderness, this filmmaker is back, too'.
Baradwaj Rangan, 29.11.19

Cinema Hindi: ** 1/2
Punto di forza: Dhanush
Punto debole: la storia e la sceneggiatura

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Dhanush - Raghu
* Megha Akash - Lekha
* M. Sasikumar - Thiru, fratello maggiore di Raghu
* Senthil Veeraasamy - Kuberan
* Rana Daggubati - cameo

Regia e sceneggiatura: Gautham Vasudev Menon
Colonna sonora: Darbuka Siva
Lingua: tamil
Traduzione del titolo: a bullet with my name
Anno: 2019


14 febbraio 2020

SAAND KI AANKH


Saand Ki Aankh, prodotto da Anurag Kashyap, è stato audacemente distribuito nelle sale indiane in occasione del Diwali 2019. SKA è una commedia a tema sportivo piacevole e leggera che ha avuto l'ardire di competere al botteghino nientemeno che con Housefull 4. La qualità è al di sopra della media dei film festivi (rispetto a H4 è un capolavoro), la novità stellare: due eroine anziane al posto di un muscoloso eroe di bell'aspetto. La storia cattura, la sceneggiatura, pur non priva di difetti, assomiglia ad una vera sceneggiatura. La narrazione tiene malgrado le ripetizioni nel secondo tempo, il ritmo è accettabile, alcune battute esilaranti. Prakashi e Chandro, le protagoniste, sono amabili anche se non troppo sfaccettate. Il cast è di buon livello, la colonna sonora pepata. 

Però, con impegno maggiore - il soggetto è strabiliante e meritava una scrittura più sottile, e un approfondimento di personaggi e contesto -, SKA poteva emergere e non limitarsi ad essere una pellicola festiva. Taapsee Pannu e Bhumi Pednekar sono brave, coraggiose e condividono una grande intesa, anche se, a mio parere, con attrici appartenenti ad una fascia d'età vicina a quella di Prakashi e Chandro il film avrebbe guadagnato. Alcuni episodi lacrimosi o un po' forzati andavano limati. Comunque apprezzo il tentativo.

TRAMA

Prakashi e Chandro sono cognate e vivono in una grande casa con una famiglia tanto numerosa da costituire un villaggio. Ormai anziane, e con alle spalle anni di lavoro duro e umiliazioni, le due donne scoprono di possedere un talento piuttosto insolito: una mira eccezionale.

ASSOLUTAMENTE DA DIMENTICARE

* L'argomento delle vasectomie obbligatorie è trattato in modo indelicato e grossolano.

RECENSIONI

Mid-Day: **
'There's something so desperately missing in the general rhythm and tone of this film that beyond a point, not just the audience, even the filmmakers seem unable to decide on whether this is a high-octane melodrama (...). Or a sweet, subtle rural story hinged on minimalist, authentic realism, packed with lighter moments (...). This isn't to suggest whatsoever that the two forms (of story-telling) are exclusive to each other. Hell, no. But melodrama, I reckon, truly works in its rationing - to rise to an occasion; to make a monument out of a moment. It loses impact with repetition. Unless, perhaps, the whole movie is consistently that - a drama version of slapstick humour, as it were. Frankly, this film lacks that sense of occasion. You want the big moments to hold. But they fly in and fly past, before you can feel anything at all. What with that cheap-ass, loud background score to start with - insecurely calling attention to every scene, driving you semi-nuts, instead of letting such compelling characters cruise you through a script that's got everything to subtly and surely pull it off, with all possible mainstream accoutrements, so to say. (...) Director Prakash Jha playing the household patriarch, of course, stands out as the unusual casting choice. (...) Saand Ki Aankh, as you're aware, is essentially centred on two extremely young female lead actors in Bollywood (Bhumi Pednekar, 30; Taapsee Pannu, 32), playing perhaps two of the oldest female lead characters on screen, ever. Both Chandro and Prakashi are way past usual retirement age, to embark on altogether fresh starts. What strikes you about both Pednekar and Pannu isn't as much the fact that they can get the old-age mannerisms right - in terms of walk/talk, posture, prosthetics, etc. - as how effortlessly they seem to slip into characters so far removed from their own. And they do it with a level of excitement and extreme conviction that it instantly spills over from the screen. Pednekar, from the sense I get, has in fact built her entire career so far (...) splendidly adapting to parts that are almost polar-opposites to her social self. She is indisputably a powerhouse of talent, with a knack to go the extra mile. So is Pannu, of course. But at no point do you find them jealously jostling for audience's appreciation. It's almost like they've signed a non-competitive clause, to complement each other on screen, rather than show off who's the real boss-lady here. Both are. Or, rather both aren't, since the film is so much about two vulnerable champions, smartly railing against the world, and slyly taking it on as well. As a subject, it is as good as it gets. (...) No doubt, you are already in love with the two delicately deadly Dadis on screen. How can you not? They exude such natural warmth, and rare sense of joy, despite having been dealt the worst cards ever. Which makes me feel worse that you don't end up loving the movie as much. But then again, that's me; you can always give it a shot'.
Mayank Shekhar, 25.10.19

Film Companion:
'I’d like to believe that the film chooses this loud language because shooting is not a subtle sport - you see a target, you aim for it, you hit it with a big bang. It’s noisy, eventful and either black or white. But the real reason isn’t half as thoughtful. The director is Tushar Hiranandani, a long-time Bollywood writer who deals in either crass comedy (the Housefull, Masti and Dhamaal franchises) or screechy melodrama (Ek Villain, Half Girlfriend). There is no middle ground. As a result, Saand Ki Aankh is made as a defiant dramedy - the drama is such that it’s derived from comedy, and the comedy is such that it’s diluted by drama. (...) We belong to a culture that thrives on embracing cheap humour when confronted with uncomfortable truths. The treatment of SKA is merely an extension of this social ailment. (...) Hiranandani and his writers don’t want us to think; they just want us to accept the novelty of the narrative, irrespective of what they do with it. (...) The makers are used to turning sex into a joke. Here they turn women into the joke - ignorant, illiterate, ‘cute’ but slumdog champions so everything is forgiven. By making such a spectacle out of gender disparity, they end up reiterating the very prejudices that the film tries to expose. (...) Young actresses Taapsee Pannu and Bhumi Pednekar spiritedly play the “shooter dadis,” iffy prosthetics and all, in a casting decision that urges the viewer to focus on what they stand for rather than who they are. (...) You can sense the screenplay (by Balwinder Singh Janjhua) desperately battling the glitzy dialogue and shabby direction to make the film better than a simplistic she-v/s-he sermon. But the screenplay succeeds lesser than it fails. The problem with men making films about winsome womanhood is that everything becomes an exercise in overcompensation. They write female protagonists as characters who say things that we should hear, not as women who start hearing their own voices. The emotional outbursts play to the gallery, filled with lines designed by men who want audiences to react rather than their protagonists to act. In order to atone for their own deep-rooted masculinity, male filmmakers tend to exaggerate every aspect of these stories - feminism, sexism, bigotry, drama, comedy, life'. 
Rahul Desai, 25.10.19

Cinema Hindi: ***
Punto di forza: il soggetto, una storia vera di solidarietà femminile e di rivincita. Nel cinema indiano non se ne vedono molte.
Punto debole: nel secondo tempo la sceneggiatura diventa via via meno curata; il trucco.

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Taapsee Pannu - Prakashi Tomar
* Bhumi Pednekar - Chandro Tomar
* Prakash Jha - Rattan, cognato di Chandro e Prakashi (fratello dei loro mariti)
* Vineet Kumar Singh (elegantissimo) - Dr. Yashpal, allenatore

Regia: Tushar Hiranandani
Sceneggiatura: Balwinder Singh Janjua, basata sulla vita di Chandro Tomar e Prakashi Tomar
Colonna sonora: Vishal Mishra
Traduzione del titolo: bull's eye
Anno: 2019

CURIOSITA'

* SKA si ispira alla storia vera delle tiratrici professioniste Chandro e Prakashi Tomar. Le due donne iniziano ad allenarsi nel 1999, quando Chandro ha 67 anni e Prakashi 62, e nel corso degli anni successivi vincono numerosi tornei nazionali. Chandro e Prakashi sono cognate. Seema Tomar, figlia di Prakashi, è una tiratrice professionista a livello internazionale. Chandro e Prakashi sono state ospiti di Aamir Khan nel famoso programma televisivo Satyamev Jayate (sembrerebbe nella prima stagione).
* Riferimenti a Bollywood: Akshay Kumar, Mr. and Mrs. Khiladi, Mother India, Aamir Khan.

GOSSIP & VELENI

* [Spoiler] In SKA gli uomini fumano, spettegolano come comari e non fanno una mazza da mattina a sera. Le donne - pure incinte - cucinano, si occupano delle faccende domestiche, allevano i figli, lavorano la terra e costruiscono, letteralmente mattone su mattone, nuovi vani nella grande casa. Malgrado ciò, gli uomini si atteggiano da viriloni, urlando, minacciando, appiccando incendi. Roba da stirarli col trattore.
* L'episodio alla residenza reale è realizzato in modo debole e stereotipato, le battute sono forzate. Le interazioni fra mariti e mogli durante la riunione del consiglio del villaggio sono in parte ben costruite e in parte scadenti, o meglio, mostrano poca consequenzialità logica. Ed è un errore grave perchè si tratta della scena della resa dei conti. Richiedeva maggiore cura e attenzione. Ci sono altri dettagli che andavano rafforzati nella trama o nella rappresentazione, ma mi fermo qui.

05 febbraio 2020

SHIMLA MIRCHI


Shimla Mirchi, distribuito nel 2020, era stato ultimato qualche anno prima ma stentava a trovare un distributore. Il regista è Ramesh Sippy, lo stesso che ha diretto il maestoso Sholay (tutti in piedi). Sippy torna dietro alla macchina da presa dopo più di 20 anni, e scrittura Hema Malini - in splendida forma - e l'amabile Rajkummar Rao. Considerando i nomi coinvolti, mi aspettavo un prodotto decisamente superiore. Purtroppo il film a mio parere è molto deludente. Un incrocio di equivoci che, col giusto ritmo e con dialoghi speziati, poteva divertire. Però la sceneggiatura è troppo zuccherosa, e i personaggi sono inerti.

TRAMA

Avi, estremamente timido, non riesce a dichiararsi alle ragazze a cui è interessato. Da una vita trascorre le vacanze con la famiglia a Shimla. E proprio a Shimla un giorno si imbatte in Naina. Amore a prima vista - da parte di lui.

RECENSIONI

Cinema Hindi: **
Punto di forza: Rajkummar Rao
Punto debole: sceneggiatura, personaggi

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Rajkummar Rao - Avi
* Rakul Preet Singh - Naina
* Hema Malini - Rukmini, madre di Naina
* Shakti Kapoor - Captain Uncle
* Dharmendra - cameo

Regia: Ramesh Sippy 
Sceneggiatura: Ramesh Sippy, Kausar Munir, Rishi Virmani, Vipul Binjola
Colonna sonora: Meet Bros Anjjan
Traduzione del titolo: mirch significa peperoncini
Anno: 2020

31 gennaio 2020

GHAWRE BAIREY AAJ


L'idea intriga: ambientare Ghawre Bairey, opera di Tagore del 1916, nell'India contemporanea. La trama, i personaggi e le loro dinamiche si prestavano. Il risultato però mi ha in parte delusa. La narrazione è di qualità variabile, talvolta verbosa, e il ritmo si perde in qualche pausa di troppo. Alcuni aspetti della storia sono rappresentati in modo debole o poco credibile. I dialoghi alternano battute brillanti e semplicistiche. Nikhil e Sandy, i due personaggi maschili principali, sono ben delineati, ma Binnie, quello femminile, è piuttosto vacuo a dispetto di un passato interessante. Anirban Bhattacharya è solido come sempre. Jisshu Sengupta perfetto per il ruolo.

L'intenzione di Aparna Sen è da applauso a scena aperta. Visti i tempi, ci vuole un certo coraggio per toccare tasti così sensibili. Il film non possiede le stesse sottigliezze e intuizioni di alcuni dei lavori precedenti della regista, però forse la censura indiana avrebbe posto qualche ostacolo ad una pellicola più diretta. 

TRAMA

Nikhil e Sandy sono amici d'infanzia, e dopo quasi 20 anni si ritrovano a Delhi. Sandy è ospite di Nikhil e di sua moglie, la bellissima Binnie, di origine dalit. Nikhil e il suo giornale sostengono il progetto di costruire un ospedale in un'area maoista contesa da gruppi hindu per motivi religiosi. Sandy è uno storico, simpatizzante dell'ideologia hindu, e quindi contrario al progetto. Da qui scatta il confronto fra due idee diverse di India. Ma GB è anche la storia di un eroe sfortunato, di un sole ingannatore e della sua vittima. 

RECENSIONI

Film Companion:
'It could have been a great way to explore if it’s possible to create a dialogue between the two sides of the great political divide of our times: the right wing and the liberal. But the idea doesn’t translate to the film. (...) Bhattacharya - measured, quieter - has the more solid presence. (...) Ghawre Bairey Aaj is a broad, simplistic film with neither the pleasures of a broad, simplistic film, nor the room for the nuance and complexity of the subject'.
Sankhayan Ghosh, 15.11.19

Cinema Hindi: *** 1/2
Punto di forza: lo scontro fra le due diverse ideologie incarnate da Nikhil e Sandy, l'intenzione lodevolissima.
Punto debole: non sempre la narrazione fluisce con naturalezza e avvince, alcuni episodi appaiono incasellati ad arte per veicolare un messaggio (un esempio: lo studente di Sandy solo discorrendo con Nikhil si rende conto del pericolo che potrebbe correre il suo amico musulmano). Binnie è rappresentata in modo troppo lezioso, sappiamo che ha un impiego che svolge a casa, ma in larga parte si limita a posare, incedere, riflettere, osservare.

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Tuhina Das - Binnie
* Anirban Bhattacharya - Nikhil, marito di Binnie
* Jisshu Sengupta - Sandy, amico di Nikhil
* Sreenanda Shankar - Sammy, amica di Nikhil e Sandy
* Anjan Dutt - il professore

Regia: Aparna Sen
Sceneggiatura: Aparna Sen si è ispirata all'opera Ghawre Bairey (1916) di Tagore - pubblicata in italiano con il titolo La casa e il mondo -, la cui trama è ambientata agli inizi del ventesimo secolo, nel periodo della lotta per l'indipendenza indiana. 
Colonna sonora: Neel Dutt
Lingua: bengali
Anno: 2019

CURIOSITA'

* GBA si apre con una dedica a Gauri Lankesh, giornalista di Bangalore assassinata nel 2017 sulla soglia di casa. Gauri combatteva la destra estremista hindu e le discriminazioni castali e di genere.
* Jisshu Sengupta è stato scritturato in alcuni film hindi, fra cui Mardaani, Piku e Manikarnika.
* Nel 1984 viene distribuito Ghare Baire, di Satyajit Ray, ispirato alla stessa opera di Tagore. La pellicola viene presentata a Cannes, ed inoltre vince il National Award per il miglior film bengali.
* Riferimenti al cinema bengali: Shyam Benegal.

GOSSIP & VELENI

* Sandy butta per terra - in casa - un mozzicone di sigaretta. Dove ho messo l'ascia?
* Premetto che non ho letto l'opera di Tagore. [Spoiler] Il motivo per cui Nikhil sposa Binnie è davvero idiota. La non reazione di Nikhil alla confessione di Binnie è poco credibile, e la conversazione fra i due coniugi, il mattino dopo, surreale. Il perdono di Nikhil un po' finto e tirato. Sappiamo già che Nikhil è il personaggio positivo, perchè strafare?

28 gennaio 2020

PAGALPANTI


Anees Bazmee ha diretto alcune commedie piuttosto divertenti. Sfortunatamente Pagalpanti non è fra queste.

TRAMA

Tre amici. Tre belle ragazze. Una serie di disavventure e un nugolo di criminali. Un tesoro. Imbrogli. (...) ?? (...) LEONI SUL SET. RIPETO: LEONI SUL SET. A TUTTO IL CAST: RIFUGIARSI NELLE AUTO. (...) Poi giuro che non mi ricordo come finisce il film.

ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE

* I completini sfoggiati da Anil Kapoor mi hanno fatto palpitare in più di un'occasione.

RECENSIONI

Film Companion:
'It’s 2019, and Bazmee - old-school in the manner of jazzy frame rates, swish pans and songs featuring dancers doing Govinda steps in fluorescent costumes at exotic locations while foreigners gawk at this acidic spectacle - is still trying to replicate his Welcome and Singh Is Kinng days. I’m all for harebrained comedies, but even nonsense needs to have a language. (...) But films like Pagalpanti lack that tone. For starters, it heavily features John Abraham, Kriti Kharbanda and Pulkit Samrat. As a result, the Anil Kapoors and Saurabh Shuklas and Arshad Warsis try doubly hard to salvage the stubborn datedness of the Bazmee universe. (...) Sometimes it’s difficult to tell the difference between the ladies. I guess that’s the point. I never thought I’d be attributing this to the conscious imagination of adult writers, but that’s the world we’re in. In between, there’s a sudden nationalistic surge in dialogue; it’s as if the makers suddenly decide to cash in on John Abraham’s genre because clearly the comedy isn’t working out too well. The closest the film comes to being smart is when the climax features three lions - in England - though I suspect the symbolism is entirely accidental. The big cats look quite confused and cute, as if they were feeling existential like Madagascar’s Alex. (“Is this my purpose in life? To rescue a Bollywood comedy instead of ruling the great wild?”). There’s not much more I can say about Pagalpanti. It exists. I exist. Baby steps. I’m fine. No problem. Thank you'.
Rahul Desai, 22.11.19

Cinema Hindi: * 1/2

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* John Abraham - Raj
* Arshad Warsi - Junky
* Pulkit Samrat - Chandu
* Saurabh Shukla - Raja
* Anil Kapoor - Wi-Fi
* Ileana D'Cruz - Sanjana
* Kriti Kharbanda - Jhanvi
* Urvashi Rautela - Kavya

Regia: Anees Bazmee
Sceneggiatura: Rajiv Kaul, Praful Parekh, Anees Bazmee
Colonna sonora: Sajid–Wajid, Yo Yo Honey Singh, Tanishk Bagchi, Nayeem-Shabir
Traduzione del titolo: follia
Anno: 2019

GOSSIP & VELENI

* Pulkit Samrat e Kriti Kharbanda pare siano fidanzati. In passato Pulkit era stato fidanzato con Yami Gautam.

27 gennaio 2020

B A L A


Nel 2019 sono stati distribuiti tre film hindi dedicati all'argomento della calvizie. Gone Kesh è il mio preferito, realizzato con sensibilità, offre una sceneggiatura curata e una storia d'amore (non centrale) credibile. Ujda Chaman è scadente. Bala fluttua nel mezzo. Ottime interpretazioni, narrazione e ritmo vivaci, trama abbastanza articolata - anche se non entusiasmante -, sceneggiatura in parte deludente (impeccabile però il finale fra Bala e Latika), colonna sonora gradevole. Bala scivola maldestramente sulla caratterizzazione dei personaggi, poco definiti e poco simpatici. La bizzarria è che proprio il meno encomiabile, mi riferisco a Pari, risulti il più sorprendente, grazie anche alla performance perfetta di Yami Gautam.

Il cast è azzeccato. Ayushmann Khurrana passa dalle battute speziate ai dialoghi emotivi con leggerezza e fluidità, e ci regala una succosa carrellata di espressioni, posture, gestualità. Gli attori di supporto, con l'eccezione di Javed Jaffrey, sono deliziosi. Bhumi Pednekar lotta con un personaggio stridente, ed è truccata in modo agghiacciante. Davvero non capisco perchè la produzione non abbia scritturato un'attrice dalla pelle scura invece di imporre questo imbarazzo a Bhumi.

TRAMA

Bala è un adolescente incantatore, sicuro di sè, stronzetto e presuntuoso. Crescendo subirà una bella lezione.

LA BATTUTA MIGLIORE

* Se gli indiani credono ai politici, perchè non dovrebbero credere ai metodi miracolosi per combattere la calvizie?

ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE

* La prima sessione dal medico specializzato in trapianti.

RECENSIONI

Film Companion:
'The Ayushmann Khurrana social message movie is now a bonafide Bollywood sub-genre. In film after film, the actor, usually playing a middle-class, small-town character, tackles subjects that are considered risky and risqué for the traditionally wholesome world of Hindi cinema. He started with sperm donation in Vicky Donor and seems to be working through all types of societal issues. Bala is about lookism, defined as prejudice or discrimination based on physical appearance. (...) There is enough to enjoy here and yet Bala doesn’t land with the sophistication and satisfaction of Amar’s first film - Stree. Largely because the writing doesn’t have that subversion and cleverness. Stree also grappled with important issues but the film didn’t hit you on the head with it. Bala is more simplistic and on-the-nose. A running voiceover by Vijay Raaz explains to us what we are seeing. (...) Bala also tries to do too much - Bhumi Pednekar, painted many shades darker, is Bala’s childhood friend Latika. Latika is Kanpur’s woke activist. She’s in the film to teach us why our obsession with fair skin is a terrible thing. Ironically, the color on Bhumi’s face is so distracting that this moral gets lost. I think filmmakers should have the freedom to cast who they want but here Bhumi’s talent is misplaced. Moreover, her track is half-baked - it seems to be stitched in only so her character could deliver the messaging. Ayushmann, as always, is affable and relatable as Bala. With a refreshing lack of vanity, he nails the extreme insecurity and trauma of balding. Ayushmann isn’t afraid to look foolish and unheroic. We laugh both at Bala and with him. But I do wonder if after so many films, the act of being different has also become somewhat formulaic'.
Anupama Chopra, 08.11.19

Cinema Hindi: *** 1/2
Punto di forza: ottimo cast, con l'eccezione di Javed Jaffrey; buona commedia, ma poteva essere migliore.
Punto debole: i personaggi (tranne Pari), in parte la sceneggiatura, l'argomento dei pregiudizi nei confronti della pelle scura è trattato in modo grossolano e appesantisce il film, la sequenza della scenata di Latika in casa di Bala è forzata e inopportuna (la colpevole è la zia della ragazza, non Bala).

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Ayushmann Khurrana - Bala
* Yami Gautam - Pari, la modella
* Bhumi Pednekar - Latika, l'avvocatessa
* Saurabh Shukla - padre di Bala
* Abhishek Banerjee - il parrucchiere
* Javed Jaffrey - Bachchan
* Umesh Shukla - nonno materno di Bala
* Sachin Chaudhary - Bala adolescente
* Aparshakti Khurrana - cameo
* Vijay Raaz - narratore

Regia: Amar Kaushik
Sceneggiatura: Niren Bhatt, Ravi Muppa
Colonna sonora: Sachin-Jigar                   
Traduzione del titolo: bal significa capelli.
Anno: 2019

CURIOSITA'

* Riferimenti a Bollywood: una sfilza, fra cui Amitabh Bachchan, Aamir Khan, Salman Khan, Shah Rukh Khan, Rajinikanth, Hrithik e Rakesh Roshan, Ranveer Singh, Deepika Padukone, Ranbir Kapoor, Anushka Sharma, Rajesh Khanna, Mithun Chakraborty, Jaya Bhaduri, Govinda, Karisma Kapoor, Sonu Nigam, Dilwale Dulhania Le Jayenge, Kabhi Khushi Kabhie Gham, Kal Ho Naa Ho, Jab Tak Hai Jaan, Gully Boy. Bala imita molti attori, e con Pari ripropone alcune coreografie celebri.
* Film che trattano lo stesso tema: Ujda Chaman, Gone Kesh.

GOSSIP & VELENI

* I produttori di Ujda Chaman hanno accusato Bala di essere una copia di UC. 
* Bala ha scatenato diverse polemiche per il modo in cui viene rappresentato il tema della pelle scura.
* Ma Pari che russa?? Quello non lo posta su TikTok?
* Così come in Ujda Chaman, non capisco le sghignazzate perenni. Un uomo calvo fa ridere?

MOTICHOOR CHAKNACHOOR


Nawazuddin, amore: le sceneggiature però vanno lette.

TRAMA

Ani è disposta a sposare chiunque le consenta di vivere all'estero, così può pubblicare le foto nei social e le amiche muoiono d'invidia. (I neuroni raggricciati vanno nell'umido).

RECENSIONI

Mid-Day: * 1/2
'This is a film about small-town India. As is just about every other Hindi movie (of late). It is placed within a middle-class household. (...) So is every other Hindi movie (lately). The genre is romantic comedy, I suppose. Which isn't true for movies starring the intense Nawazuddin Siddiqui in the lead role. He holds a deadpan expression throughout, going super subtle with his comic timing. Where do you go from there? Practically nowhere. The plot is pretty plain and simple. (...) How do filmmakers take this forward? They don't. They effectively put together pages after pages of dialogue in Bundelkhandi between a bunch of aunts, uncles, girls, boys, etc. Some of the lines are funny. Indeed the depiction of small-town life is quite accurate. The film is set in Bhopal, which is one of the best looking Indian state capitals I know. Except, the camera never steps out to explore anything, besides pacing between a couple of living rooms, bedrooms, and the aangan (courtyard). Pacing of the story itself is so slow, you could find yourself in the same scene for more than several minutes at a stretch. This could at best be a play. And that too, quite a boring one. No doubt, the performances are first-rate still. Why should it not be if the actors have Nawaz to match with?'
Mayank Shekhar, 16.11.19

Film Companion:
'Motichoor Chaknachoor is one such not-bad - and sometimes half-decent - film that stays refreshingly honest to its surroundings. (...) It does have someone as talented as Nawazuddin Siddiqui doing something as basic as an awkward talking-to-himself routine so that the audience knows exactly what a soup the hero is in. At one point he just chokes on his food and excuses himself from the table, almost as if the actor were excusing himself from a mismatched genre. The first hour of the film features all of those stereotypes - a noisy Bhopal locality, two motor-mouthed families, plenty of aunts and uncles and soft-spoken fathers bullied by over-dramatic mothers. (...) Some of it is tedious. But some of it is bearable, thanks to Siddiqui’s penchant for “body acting” - a brand of comedy in which an actor unsuited to a particular role elevates the genre by coolly parodying it. He uses our perception of “serious Nawaz” very well, in how he reacts to people or gets a jump scare or beats up his brother with a slipper. In turn, we react to Nawaz acting against type rather than Pushpinder being feeble and funny. He knows that he doesn’t have the accent or the gait, but there’s a physical self-awareness that compensates for the technical flaws. He has fun with the new language, proving that dramatic actors taking to light-hearted comedy can be just as effective as comedians attempting a dramatic role. The second half is where MC acquires an identity of its own. (...) Over the years, we’ve gotten so used to the quintessential middle-North-Indian Hindi film existing for a purpose - to carry a message, to address a social stigma - that it’s fairly nice to see ordinary characters striving to achieve ordinary goals instead of life-altering awakenings. There is no other agenda to this story. Girl and boy have to find a middle ground, and nothing but personality clashes and domestic politics will have to be dealt with. The film is well aware that this is a regressive region, and it operates within the frame of their cultural limitations. (...) There’s no reason for a film to exist only to correct society. (...) Fortunately, films like this one remind us that (...) not every script needs to be a statement'. 
Rahul Desai, 15.11.19

Cinema Hindi: **
Punto di forza: Nawazuddin Siddiqui, sprecatissimo.
Punto debole: la trama veramente idiota.

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Nawazuddin Siddiqui - Pushpinder
* Athiya Shetty - Ani

Regia: Debamitra Biswal
Colonna sonora: Bharat-Hitarth, Ramji Gulati, Arjuna Harjai, Amjad Nadeem Aamir, Siddhart Amit Bhavsar.
Anno: 2019

GOSSIP & VELENI

* Athiya Shetty è la figlia di Sunil Shetty
* Non so se mi ha scioccato di più il film o la recensione di Rahul Desai.

24 gennaio 2020

KETTIYOLAANU ENTE MALAKHA


[Il testo contiene spoiler]

Il primo tempo affronta temi inusuali. In India il matrimonio combinato è una pratica tradizionale, diffusa, accettata o quantomeno tollerata. D'istinto solidarizzo con le donne, dimenticando che anche gli uomini stringono legami molto intimi con persone che non conoscono e che non amano. Kettiyolaanu Ente Malakha mi rinfresca la memoria ed è un bene. Non finisce qui. Lo stupore nasce dalla particolare caratterizzazione di Sleeva, il protagonista, un uomo di 35 anni che non ha mai sfiorato una donna perchè non ha mai desiderato farlo. Il tema dell'asessualità (non mi riferisco all'autismo) viene investigato di rado nella letteratura o nel cinema, anche occidentali, e il personaggio che lo incarna è di solito marginale. Immaginatevi dunque la mia sorpresa. KEM non è esattamente un film commerciale, ma il tono è leggero, e Asif Ali, l'attore principale, è un volto celebre e amato. 

Nel secondo tempo, però, l'intenzione dello sceneggiatore non è chiara. Dopo la celebrazione delle sue nozze con Rincy, Sleeva, ubriaco fradicio, stupra la moglie, e la donna finisce al pronto soccorso. KEM mantiene lo stesso tono lieve come nulla fosse. L'atto brutale di Sleeva è condannato da tutti - famiglia, amici, vicinato -, e questo è significativo, ma, col procedere della trama, viene considerato alla stregua di una ragazzata. Persino il prete del villaggio, zio di Rincy, la prende benissimo. Il tema del consenso, anche all'interno del matrimonio, è meritoriamente sottolineato. Rincy vuole separarsi e nessuno osa contraddirla, però le viene chiesto di perdonare il marito. Il lieto fine chiude la storia. Io allibita. 

[Per lo sceneggiatore] Perchè includere uno stupro nella trama? Se preferisci non prendere una direzione drammatica, limitati ai goffi tentativi di approccio di Rincy e di Sleeva. Se invece intendi denunciare il fatto che un'educazione rigida e l'ignoranza in ambito relazionale possono provocare comportamenti pericolosi, allora cambia registro stilistico, e non sminuire la gravità di uno stupro domestico, non pasticciare con Sleeva, non trascurare e svuotare Rincy. Stupro e commedia si sposano male.

Da un punto di vista tecnico, KEM è realizzato con cura. Asif Ali regala una performance solidissima. E' spontaneo e convincente, e tratteggia in modo anche amabile un personaggio pieno di nodi e contraddizioni, semplice solo in apparenza. Gli sguardi, la gestualità: tutto dimostra il grande lavoro compiuto da Ali (forse nel film sbagliato) per caratterizzare Sleeva. 

TRAMA

Sleeva è un uomo generoso e sorridente. Vive con la madre in una grande casa. Lavora con passione la sua terra. Possiede altri immobili. Insomma è un buon partito, anche se l'uomo non vuole saperne di sposarsi. Un giorno la madre, sola in casa, ha un malore. Sleeva si spaventa moltissimo, e accetta il matrimonio combinato con Rincy per garantire una compagnia alla madre (!). A mano a mano che la data delle nozze si avvicina, Sleeva diventa taciturno, intrattabile. L'ansia sale a livelli incontrollabili. Sleeva non ha mai interagito con donne della sua età non appartenenti alla sua famiglia, ed è letteralmente terrorizzato dalla prospettiva della prima notte di nozze. A celebrazione avvenuta, l'uomo le inventa tutte pur di non restare da solo con Rincy. Evita la moglie, non la guarda, non le parla, durante la luna di miele scappa. Rincy gli chiede spiegazioni. Sleeva, afflitto, capisce che non può rimandare a vita la consumazione. Si affida quindi all'alcol per trovare coraggio. Pessima idea.

ASSOLUTAMENTE DA DIMENTICARE

* Il tono da commedia nel secondo tempo e la manipolazione emotiva che lo sceneggiatore orchestra per indurci a simpatizzare con Sleeva.

RECENSIONI

Film Companion:
'On the surface, Nissam Basheer’s Kettiyolaanu Ente Malakha is an Ayushmann Khurrana Movie made in Malayalam. Translation: it’s a cutesy, small-town dramedy centering on a “masculine problem”, but there’s more rootedness, more realism. (...) The film’s success is that it makes us buy this lived-in universe, where everyone is so rooted, so real that even things that would come off as body-shaming in other movies (a girl described as “fat”, a man described as “dark-skinned”) come off like traits being discussed casually, between members of a close-knit family. Even Sleeva’s big “problem” - at first - is treated with winking cuteness. (...) What I found curious - and most interesting - about KEM is how it appears less of a “problematic” movie than Arjun Reddy, despite the fact that Sleeva’s behaviour is far more “problematic” than Arjun Reddy’s. (...) This could be a fascinating case study of how “arrogance” on screen (like in Arjun Reddy) makes it less easy for us to fully embrace a character, while innocence and humility and basic human kindness (like in KEM) make us sympathise more readily with Sleeva. What he did is wrong, certainly, but the poor thing did not know any better. At least, Arjun Reddy is punished. (...) Here, after the shelling from the doctor, the most that happens is that people laugh at Sleeva, affectionately. Everyone rallies around him, including the priest who is Rincy’s uncle and who proposed the match. (Not once does this priest, this uncle, think of consoling Rincy. He’d rather be around Sleeva.) The film’s biggest problem is that it never gets into Rincy’s head. It is not bothered about her trauma. For all you know, the bruises on her lips and neck could have come about due to a fall. Veena Nandhakumar is a quiet, dignified presence - but she’s hampered by the lack of shading in Rincy, and is unable to suggest anything more than a... quiet, dignified presence. (...) Why, then, are we able to overlook all this and see the film solely through Sleeva’s eyes? One is, of course, the gaze. We are primed to follow the protagonist, even if he is evil (...). And two, that is how things are with this particular set of characters in this particular setting. (...) And hey, even this priest, this uncle, sees Sleeva as an innocent and not as a domestic abuser. I am with this priest. I see Sleeva as an innocent, too. An idiot, sure - but an innocent idiot. He needs to be taught (through counselling, which the doctor suggests, and by his married friends) about love, consent, sex. Asif Ali is magnificent. I was weeping for him at the end - and I realised how he and his film had skillfully played me. But how I wished Rincy’s journey had been a part of this, too! Unlike the girlfriend in Arjun Reddy, there is not a single scene where she displays her feelings towards her man. (...) KEM is so well-made (the editing is especially lovely), I am willing to believe that yes, Rincy (this particular girl in this particular story) shrugged it all off as a bad dream. But on the way home, I also kept thinking about how much easier it is to forgive “nice” people who do “bad” things. Had Sleeva been a cocky stud from the city, the conversation around this film might have been entirely different'.
Baradwaj Rangan, 04.12.19

Cinema Hindi: primo tempo *** 1/2, secondo tempo ** 1/2 (salvato da Asif Ali e dal cast tecnico). La media è ***, ma non mi sento di valutare KEM nel suo insieme con un voto così alto, quindi vada comunque per ** 1/2.
Punto di forza: Asif Ali (****), un primo tempo interessante e piuttosto sottile.
Punto debole: un secondo tempo sciaguratissimo che mi fa rivalutare Kabir Singh.

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Asif Ali - Sleeva
* Veena Nandakumar - Rincy
* Manohari Joy - madre di Sleeva
* Jafar Idukki - Kuttiyachan, il sensale
* Shine Tom Chacko - cameo

Regia: Nisam Basheer
Sceneggiatura: Aji Peter Thankam
Colonna sonora: William Francis
Lingua: malayalam
Traduzione del titolo: my wife my angel
Anno: 2019

23 gennaio 2020

MONSTER


Un gradevole film non solo per ragazzi. Monster è di una semplicità disarmante, divertente e piuttosto ben fatto. Il soggetto è vivace, la sceneggiatura tiene e si fa perdonare qualche ripetizione, la regia a tratti sorprende. Gli effetti speciali sono dignitosi. Il commento musicale azzeccato. S.J. Surya, l'attore principale, è perfetto per il ruolo del serafico Anjanam, e regala un'interpretazione buffa e gioiosa. Ma è il piccolo, irresistibile partner di Anjanam la vera superstar. Il suo ingresso è annunciato come da tradizione, e l'eroe incede con sequenze al rallentatore. La colonna sonora sottolinea le sue azioni con tono epico o con ritmo frenetico. Tutte le scene in cui è coinvolto sono assolutamente imperdibili.

TRAMA

Anjanam acquista un appartamento e vi si trasferisce, ma due loschi figuri lo spiano con brutte intenzioni: un ladro di diamanti e un topo. Il ladro si rivela il meno pericoloso. Il roditore è un coinquilino scaltro, inossidabile e tenace. Pelo arruffato, baffo ritto, naso aspiratutto, occhio vigile, mente lucida, zanna d'acciaio. Le sue scorribande devastatrici mettono a dura prova la bonomia di Anjanam.

ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE

* Il ladro e il topo si guardano negli occhi in una brevissima sequenza. Ho riso a più non posso, e pure alla seconda visione.
* Anjanam appollaiato sul lavandino in cucina, pronto all'agguato.

RECENSIONI

The Hindu:
'One way to look at Monster is by assuming that it’s targeted at kids and family audiences. After all, it’s been years since we had a movie exclusively for kids. (...) If that was the case, Monster works - only partially, though. (...) The premise (...) looks delicious on paper, but very few ideas get translated on screen. (...) The writing is redundant, and the tricks that seemed inventive at first, are reduced to gimmickry. (...) The bits involving the rodent are genuinely funny (...) and makes you wonder as to how good Monster could have been. But the film is uneven for the most part, making it an average watch'.
Srivatsan S., 17.05.19

Film Companion:
'Monster is like nothing we’ve seen in Tamil cinema. It’s a live-action cartoon. (...) SJ Surya plays him (Anjanam) perfectly. The actor’s cartoony rigidity, his fondness for jerky movements, his exaggerated expressions - everything fits. (...) At a time so much of our comedy is so mean-spirited (...) Monster is a lovely reminder of how gently (and generously) smiles can be evoked. (...) But the film’s real big problem is its length, padded out by a smuggler subplot. But I didn’t feel like complaining because the sheer joy elsewhere is contagious. I felt like a kid again, watching cartoons on TV. Had Monster been a half-hour shorter, it might have been a classic of its kind'. 
Baradwaj Rangan, 31.05.19

Cinema Hindi: ***
Punto di forza: l'adorabile mostriciattolo peloso e le sue (ehm) interazioni con Anjanam.
Punto debole: qualche ripetizione; le scene che non coinvolgono Anjanam/topo sono deboli, e i personaggi secondari poco incisivi, tranne qualche rara eccezione (ad esempio, l'impagabile inquilino del piano inferiore).

SCHEDA DEL FILM

Cast:

* Il topo
* S.J. Surya - Anjanam
* Priya Bhavani Shankar - Mekala, fidanzata di Anjanam
* Karunakaran - Ravi, amico di Anjanam

Regia: Nelson Venkatesan
Sceneggiatura: Nelson Venkatesan, Sankar Dass
Colonna sonora: Justin Prabhakaran
Lingua: tamil
Anno: 2019

CURIOSITA'

* Riferimenti a Bollywood: Ajay Devgan, Kareena Kapoor, Twinkle Khanna, Sunny Deol, Yash Chopra, Anushka Sharma.
* Film che trattano lo stesso tema: l'eroe dello strabiliante Eega è una mosca.

GOSSIP & VELENI

* Quale ragazza sana di mente non vorrebbe in regalo dal proprio fidanzato una bertuccia blu?